This website, or the third tools exploited by it, use cookies that are necessary for its operation and useful to the Cookie Policy purposes.

For further information, or to deny the consent to all cookies, or some of them, please refer to the Cookie Policy. By accepting, you automatically agree to the cookies' utilisation.

Welcome, Guest
  • Page:
  • 1
  • 2

TOPIC: Setup Ottico

Setup Ottico 3 years 4 days ago #121

  • Maia G
  • Maia G's Avatar
  • OFFLINE
  • Fresh Boarder
  • Posts: 1
  • Karma: 0
Salve, avrei bisogno di capire meglio come poter configurare il Setup ottico dello scanner: - quali sono i vari passaggi da eseguire e soprattutto la relazione tra distanza e campo di lavoro- cosa si intende esattamente per campo di lavoro.

Sto riscontrando non poche difficoltà.
In attesa,
ringrazio anticipatamente.
The administrator has disabled public write access.

Setup Ottico 3 years 4 days ago #122

  • SIAB_Andrea
  • SIAB_Andrea's Avatar
  • OFFLINE
  • Amministratore
  • Posts: 40
  • Thank you received: 13
  • Karma: 7
Ciao Maia,
grazie di averci contattato sul forum per le tue problematiche.

Cercherò di chiarire i tuoi dubbi tenendo come riferimento la Start guide fornita nella confezione di Scan in a Box.

Per prima cosa il campo di lavoro (ovvero l'area inquadrata dalle telecamere dello scanner) va scelto in base al tipo di oggetto che vuoi scansionare. Campi di lavoro più piccoli permettono di ottenere una risoluzione più alta e maggiori dettagli, campi di lavoro più grandi consentono di scansionare oggetti di grandi dimensioni con un numero minore di viste acquisite.

La relazione distanza-campo di lavoro è dovuta al particolare sistema ottica-telecamera utilizzato, in particolare per Scan in a Box abbiamo scelto di semplificare il setup ottico indicando la distanza a cui deve essere posizionato lo scanner dall'oggetto acquisito in una tabella che trovi a pag.3 della Start guide. Ciò vuol dire che inquadrando un piano (ad esempio il master di calibrazione) alla distanza scritta nella tabella, le telecamere inquadreranno un'area pari al campo di lavoro scelto.

Dando per già effettuato il montaggio del proiettore e delle telecamere alla barra, come indicato alle pagg.2-3 della guida, scegli il campo più adatto al lavoro che vuoi effettuare e prendi nota dei valori che sono scritti nella tabella a pag.3.
N.B.: Se hai scelto un campo 100x80mm o 150x120mm, devi montare i distanziali che sono in dotazione nel kit di montaggio tra l’ottica e la telecamera (smonta l’ottica dalla telecamera, inserisci il distanziale sul filetto della telecamera e riavvitala alla telecamera stessa, questo aggiungerà dello spessore tra l’ottica e la telecamera).

Collega i cavi alle telecamere e al proiettore e inserisci l’altra estremità nelle porte del PC, come descritto a pag.4.

Posiziona il master di calibrazione corretto su un piano, facendo attenzione che i pallini più grandi formino la “L” con il pallino singolo a destra rispetto ai pallini posti in verticale.
Posiziona lo scanner alla distanza di lavoro, che deve essere misurata come la distanza tra la barra di supporto di Scan in a Box e il centro del master di calibrazione (Pag.5).

Avvia il software IDEA e apri lo scanner 3d all’interno del software, se non è la prima volta che configuri lo scanner seleziona la modalità setup ottico dal pannello che comparirà all’interno del software.
Accendo il proiettore e posiziona lo scanner in modo che la riga nera proiettata sia orientata verticalmente rispetto al master e sia posizionata al centro del master stesso (al centro dei pallini neri più grandi). Metti a fuoco il proiettore utilizzando l’apposita rotellina, facendo in modo che la linea proiettata sul master abbia i bordi nitidi e non sia sfocata. (pag6)

Posiziona le telecamere in modo che la tacchetta centrale disegnata sul supporto delle telecamere sia in corrispondenza della scritta sulla barra che indica il campo di lavoro che hai selezionato. Prendi una telecamera alla volta e ruotala intorno al suo asse in modo che la croce gialla visualizzata a schermo nella diretta sia sovrapposta alla linea proiettata sul master. Quando la croce è sovrapposta correttamente alla linea proiettata serra le viti in modo che la telecamera sia fissata solidamente alla barra di supporto (pag.6).
N.B.: in questi passaggi è importante che lo scanner non si muova rispetto al master, fai attenzione quindi a mantenere sempre la distanza di lavoro corretta.

Chiudi temporaneamente lo sportellino del proiettore. Prendi la prima telecamera e allenta la vite dell’obiettivo del diaframma (quella più vicina alla telecamera) e ruotala in modo da avere il diaframma completamente aperto (la telecamera risulta il più luminosa possibile). Regola il fuoco della telecamera, utilizzando la vite del fuoco sull’obiettivo (quella più lontana) ruotando la ghiera fino a che i bordi dei pallini del master inquadrati dalla telecamera siano i più nitidi possibile (pag.7). Fai lo stesso per la seconda telecamera.

Riapri lo sportellino del proiettore. Imposta i tempi di esposizione delle telecamere come indicato per il campo di lavoro che stai utilizzando nella tabella a pag.3. Attiva nel software l’opzione “Mostra pixel saturi” che evidenzia le aree sovraesposte dell’immagine nella diretta. Per ogni telecamera chiudi quindi i diaframmi (vite dell’obiettivo più vicina alla telecamera) ruotando la ghiera fino a quando non vi sono più pixel rossi nella diretta della telecamera. Serra quindi la vite del diaframma (pag.8 ).

A questo punto il setup ottico è completato e puoi procedere alla calibrazione dello scanner.

All’interno del software, nella procedura di setup ottico, vengono visualizzate le istruzioni per effettuare ciò. Con la Start guide e con le indicazioni date dal software non dovrebbe essere troppo complesso arrivare ad effettuare la tua prima scansione.

Sono sicuro che una volta capita la procedura e provata qualche volta, ti sarà poi naturale e veloce riconfigurare Scan in a Box per le tue esigenze di scansione.

Spero di aver risposto esaurientemente alle tue domande, in caso di dubbi rimango ovviamente a disposizione :)
Last Edit: 3 years 4 days ago by SIAB_Andrea.
The administrator has disabled public write access.

Setup Ottico 2 years 4 months ago #276

  • susani
  • susani's Avatar
  • OFFLINE
  • Fresh Boarder
  • Posts: 3
  • Thank you received: 1
  • Karma: 0
La calibrazione risulta alquanto difficiltosa da eseguire
The administrator has disabled public write access.
The following user(s) said Thank You: SIAB_Gabriele

Setup Ottico 2 years 4 months ago #277

  • SIAB_Gabriele
  • SIAB_Gabriele's Avatar
  • OFFLINE
  • Moderatore
  • Posts: 77
  • Thank you received: 9
  • Karma: 2
Ciao Susani,
grazie per la tua segnalazione.

Scan in a Box è uno scanner riconfigurabile (possibilità di configurare campi di acquisizione da 100 mm a 500mm), per ottenere dei ottimi risultati di scansione il piccolo prezzo da pagare è quello di calibrare lo strumento con 9 immagini.
All'inizio può sembrare alquanto difficile da eseguire, ma vedrai che dopo averla fatta per 2/3 volte riuscirai a fare il completo set-up ottico e calibrazione dello scanner in 10/15 minuti.

Rimango a disposizione se dovessi avere qualche dubbio su come effettuare la calibrazione.
Ciao, buona giornata
The administrator has disabled public write access.
The following user(s) said Thank You: SIAB_Andrea

Setup Ottico 2 years 4 months ago #278

  • susani
  • susani's Avatar
  • OFFLINE
  • Fresh Boarder
  • Posts: 3
  • Thank you received: 1
  • Karma: 0
buongiorno, non capisco se durante la calibrazione, in particolar modo quando si devono fare le aquisizioni dal alto e dal basso se si deve regolare fisicamente lo scanner o il master?
questa fase è abbastanza laboriosa
The administrator has disabled public write access.

Setup Ottico 2 years 4 months ago #279

  • SIAB_Andrea
  • SIAB_Andrea's Avatar
  • OFFLINE
  • Amministratore
  • Posts: 40
  • Thank you received: 13
  • Karma: 7
Ciao susani,
non è importante quale dei due oggetti (scanner o master) sposti per fare le nove acquisizioni necessarie a portare a termine la calibrazione.

Il consiglio che ti posso dare è di inclinare la testa ottica dello scanner, in quanto il cavalletto consente di farlo piuttosto facilmente, mentre il supporto del master, essendo ad un angolo fisso, rende difficoltosa l'inclinazione del master a diversi angoli.

Come scritto da Gabriele, le prime volte la fase di setup ottico e calibrazione può sembrare difficile, ma vedrai che dopo averla completata 2/3 volte risulterà semplice e veloce.
The administrator has disabled public write access.
  • Page:
  • 1
  • 2
Time to create page: 0.264 seconds