Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Accettando, acconsenti in automatico all'uso dei cookie.

Beni Culturali

In questi ultimi anni le tecnologie di scansione 3d hanno raccolto sempre maggiore interesse presso i gruppi di ricerca che operano nel settore dei beni culturali. Scan in a Box è uno scanner 3D ad alte prestazioni e dal costo molto competitivo in grado di offrire gli strumenti necessari per eseguire operazioni di restauro, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Maschera funeraria

Questa attività di scansione 3d è stata effettuata nell'ambito di un progetto di accessibilità ai contenuti museali concepito da 3D Archeolab.
Il rilievo ha riguardato una maschera funeraria punica in terracotta, ospitata presso il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, databile attorno al 330-325 a.C. e proveniente dal sito archeologico di Spina.
  • P 20150714 162724
  • allineamento1
  • allineamento2
  • maschera punica coloreassegnato
Lo scanner 3d ha effettuate alcune acquisizioni 3d del reperto che è stato orientato di fronte allo scanner 3d fino ad averne la completa ricostruzione tridimensionale.
E' stato possibile rilevare correttamente tutto l'oggetto, sia la parte frontale che il retro, e tutte le cavità presenti (bocca, occhi e orecchie).

Contenitore in legno

Questo reperto archeologico è un piccolo contenitore in legno composto da una base con piccoli scomparti e da un coperchio. E' esposto al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara e risale al 325-330 a.C.
Le problematiche affrontate per la scansione 3d hanno riguardato il colore molto scuro del reperto e la presenza di particolari con spessori molto sottili.
Per la problematica relativa al colore si è intervenuti aumentando il tempo di esposizione delle telecamere e modificando un parametro del software IDEA che regola la sensibilità rispetto al colore della superficie da acquisire.
Per rilevare i particolari con spessori molto fini invece è stato regolato lo scanner 3d per operare con un campo di acquisizione sufficientemente piccolo (150 mm), in modo da aumentare la risoluzione della scansione.